Archivi categoria: Pensieri di una viaggiatrice

PENSIERI DI UNA MAMMA (STANCA)

Se c’è una frase che mio papà mi ha sempre ripetuto è: “Fare il genitore è il lavoro più difficile del mondo”.
Confermo, aveva ragione.

È tutto un oscillare tra pazienza, compromessi, respiri profondi, allegria, amore e stanchezza.
O, perlomeno, per me è così.

È che ti preparano alla difficoltà dei primi mesi quando quell’esserino dorme, mangia e piange ma non è che, il poi, sia tutta una passeggiata, eh.

Personalmente mi reputo molto fortunata: la piccola Marti è una bambina molto dolce che tende ad ascoltare, comprende molto spesso le situazioni che la circondano e si comporta di conseguenza.

Però, a volte, che fatica.

Continua a leggere PENSIERI DI UNA MAMMA (STANCA)

“CHE LA VITA CI SEMBRA DOMANI E INVECE E’ TUTTA ADESSO”

Oggi mi sono seduta alla scrivania, tra un “mamma, guarda” e un “mamma, vieni”, e ho aperto il computer.
Presa dalla curiosità ho aperto WordPress.
Non lo faccio praticamente mai, Attimi e Pillole di Viaggio è fermo nel limbo, in quel tempo che scorre veloce tra le cose da fare e gli impegni della vita.
Eppure l’ho aperto e mi sono incredibilmente sorpresa del fatto che sì, ci sono persone che ancora lo visitano.
Che ancora lo leggono.
Che ancora curiosano tra gli articoli scritti, le fotografie scattate.

Ho fatto anch’io così, poco fa.
Come se quel tempo non fosse passato, non si fosse fermato e ho curiosato anch’io.
Ho letto le parole scritte quando ancora viaggiavamo con un solo bagaglio a mano, quando la vita scorreva veloce ma eravamo solo in due.
E mi ha fatto sorridere.
Come cambia la vita.

Continua a leggere “CHE LA VITA CI SEMBRA DOMANI E INVECE E’ TUTTA ADESSO”

PENSIERI E SORRISI: A VOLTE RITORNO.

Vi chiederete che fine ho fatto – o forse no – ma eccomi di nuovo qua.

Sono passati mesi – praticamente più di un anno – da quando ho scritto l’ultima volta su Attimi e Pillole di Viaggio.
E mi mancava, eccome se mi mancava.

Lo sapete, la vita scorre velocemente e, come sempre, mi sono lasciata travolgere fin troppo dagli avvenimenti e, anche questa volta, il mio piccolo angolo di pensieri ne ha pagato le spese maggiori.
Il silenzio.
E sì che a me piace il silenzio ma amo anche tanto scrivere.

Quindi, che fine ho fatto?

Continua a leggere PENSIERI E SORRISI: A VOLTE RITORNO.

“Ma la meraviglia è che ti ho incontrata” – il mio 2019

E’ vero, lo ammetto, sono passati secoli ma, concedetemelo, sono stati davvero dei mesi super intensi. Come sempre, però, amo fare un resoconto dell’anno che sta finendo e buttare un occhio all’anno nuovo ormai alle porte. In fin dei conti, anche questa è una tradizione di Attimi e Pillole di Viaggio.

Come sempre non ho idea di che piega prenderà questo articolo, se avrà un senso logico o se, come sempre, saranno tante parole messe insieme e vediamo dove si va.

Questo duemila e diciannove mi ha regalato un sacco di emozioni, momenti indimenticabili che porterò sempre nel cuore. Se dal punto di vista di viaggi, la mia dolce metà ed io non siamo poi andati tanto lontani (tranne se non per un mini viaggio in Inghilterra, un weekend a Venezia e una gita di un giorno a Novara), nella sfera personale ho ricevuto il regalo più bello: la mia bambina. 

Continua a leggere “Ma la meraviglia è che ti ho incontrata” – il mio 2019

Il mio 2018: attimi, viaggi e sorrisi.

Incredibile la velocità con cui trascorrono i giorni, non vi sembra?
Se penso che siamo già all’ultimo giorno di dicembre, sgrano gli occhi e sorrido sorpresa.
Mi volto indietro e guardo questi dodici mesi trascorsi, sono davvero volati.

E’ stato un anno intenso, fatto di corse su un cavallo impazzito e di momenti speciali da ricordare per l’eternità.
E’ stato un anno bello, entusiasmante, a tratti anche difficile ma sempre sorprendente.
Se l’anno duemila e diciassette mi aveva portato una casa e un lavoro nuovi, l’anno duemila e diciotto mi ha regalato la consapevolezza dell’attimo (termine che non so se esiste, nel caso l’ho appena inventato). Per spiegarmi meglio, la consapevolezza di sapere che, per quanto dura sia una giornata, appena entrerai a casa avrai un sorriso ad aspettarti, un abbraccio dolce e due occhi tranquilli ad ascoltarti.
E in più la consapevolezza delle proprie capacità, dei propri punti di forza e di debolezza, su cosa migliorare e su cosa puntare per rendere questo incredibile spettacolo memorabile.

Continua a leggere Il mio 2018: attimi, viaggi e sorrisi.

All’Enrica di oggi, all’Enrica di domani.

L’ultima volta che ho scritto un articolo per il mio compleanno era il 2015 e avevo appena compiuto venticinque anni.

Sono passati tre anni e ieri, di anni, ne ho compiuti ventotto.

Mi è sempre piaciuto scrivere qualcosa in occasione del mio compleanno, è come se si facesse il punto della situazione, come se passato, presente e futuro si unissero per un giorno soltanto. In fondo è un po’ come fare conti con il tempo che passa, con l’inevitabile cambiamento dato dal passare degli anni.

Se penso a quante cose sono cambiate da quando ho scritto l’articolo per i miei venticinque anni mi viene da sorridere.
Se penso a quante cose sono successe in questi tre anni, sgrano gli occhi e sorrido incredula. E chi l’avrebbe mai detto? Continua a leggere All’Enrica di oggi, all’Enrica di domani.

Quotidianità è Vita.

Il 22 maggio dell’anno scorso vi raccontavo della mia corsa della vita su un cavallo impazzito.
Lo ricordate? Ne avevo parlato in questo articolo intitolato L’arte dell’imparare a vivere, scrivendo centinaia di parole riguardo la difficoltà di rallentare il ritmo della quotidianità. 

Proprio questo articolo mi è tornato sotto mano qualche giorno fa quando, sdraiata sul divano dopo uno di quei turni di lavoro che ti sfiniscono nel vero senso della parola, gironzolavo sul blog per cercare un po’ dell’Enrica del passato. Non so perché ma è una cosa che faccio spesso. 
Ad ogni modo sono finita su questo articolo e, da quando l’ho riletto, non faccio altro che pensare se e quanto le cose siano effettivamente cambiate da quel ventidue maggio del duemila diciassette.

E’ trascorso quasi un anno e sei mesi e posso dire con certezza che, molte cose, non sono cambiate.
Il cavallo impazzito c’è ancora e, soprattutto, ormai vive fisso nel mio giardino. 
La netta differenza dall’anno scorso a questo presente è che, a volte, questo cavallo impazzito rallenta – sarà il passare degli anni – e comincia ad andare al trotto, forse per poter godere anche lui del paesaggio.
Il paesaggio, in fondo, è sempre una delle parti principali del viaggio. Lo ammiriamo sempre, dal finestrino di un treno, di un aereo o di una macchina, e ci riempiamo gli occhi di curiosità, di cose nuove e di nuovi angoli, quando il paesaggio è ormai conosciuto.  Continua a leggere Quotidianità è Vita.

Bentornata a casa.

Eccomi. Sono tornata a casa.
La sensazione di tornare su Attimi e Pillole di Viaggio è sempre la stessa: tornare a casa, tornare in un angolo di mondo sicuro da qualsiasi cosa.
E’ bello tornare ma porta con sé anche tanta nostalgia, di quello che è stato, di quello che, ormai da mesi, non è più.
Ho smesso di scrivere e il perché non lo so nemmeno io.

Vorrei raccontarvi che sono stata così impegnata da non avere il tempo di accendere il computer, di essermi buttata in un progetto immenso che mi ha assorbito completamente.
Direi bugie.
E io, le bugie, non sono capace a dirle.

Ho smesso di scrivere da un momento all’altro, ho smesso di aver voglia di fare ciò che amavo tremendamente. Purtroppo mi sono resa conto che la stessa sorte è capitata alla mia adorata chitarra e alla mia fotografia.
Prima c’erano, tantissimo.
Poi non c’erano più.
E come ho riempito il loro vuoto, non lo so.

Forse è perché, d’improvviso, mi sono lasciata travolgere dagli eventi che la vita mi ha regalato.
Ma lasciatemi che vi racconti come sono andati questi mesi in cui, Attimi e Pillole di Viaggio, ha smesso in parte di esistere e il silenzio ha fatto da padrone. Continua a leggere Bentornata a casa.

L’arte dell’imparare a vivere.

A volte vorrei davvero tanto che le giornate avessero, che so, cinque o dieci ore in più in modo da poter fare tutto ciò che realmente vorrei.
E’ che mi frega il tempo. Mi frega davvero.

E’ che scorre troppo velocemente, il tempo, la quotidianità non accenna a rallentare per niente e mi sembra di essere su un cavallo che corre all’impazzata – non so se rendo l’idea – e di non riuscire nemmeno per un attimo a tirare le briglie e a rallentare.
Vedo passare accanto a me alberi, vedo sfrecciare luoghi e io mi aggrappo alla testa del cavallo impazzito e aspetto la fine, terrorizzata e urlante.
Lo so, non è una bella immagine, effettivamente. Continua a leggere L’arte dell’imparare a vivere.

Febbraio, marzo e aprile: la corsa ad ostacoli della vita.

Time flies.
Quanto è vero.

Finalmente torno a scrivere nella categoria “giorno dopo giorno” pur avendo saltato ben tre mesi, sono davvero pessima.
E’ che il tempo vola – e lo so che lo scrivo ogni volta – e io rimango sempre, sempre, sempre indietro.
Ma di questo ve ne parlerò nel prossimo articolo, non appena troverò un finale giusto a quella marea di parole.

Oggi mi tocca riassumere tre mesi, febbraio, marzo e aprile e non sarà per niente facile. Come faccio a raccontarvi più di novanta giorni in un solo articolo? Continua a leggere Febbraio, marzo e aprile: la corsa ad ostacoli della vita.