Archivi categoria: Destinazione Europa

Un biglietto per l’Inghilterra: la storia di Giada

Lo ammetto, sono rimasta un po’ indietro con i racconti dall’estero quindi, oggi, vi pubblico una storia che mi è piaciuta fin dal primo momento che l’ho letta.
Ho scritto a Giada, autrice del blog Sir Koala Londinese, per chiederle se aveva voglia di raccontarmi la sua storia da italiana all’estero e lei, con grande entusiasmo, ha accettato.

Questa volta non mi dilungo con parole, frasi e presentazioni perché, con il suo racconto, vi affascinerà dalla prima parole.. Proprio come è successo a me!
Prendetevi cinque minuti per leggere la storia di Giada, blogger proprio come me (e molto più brava!), perché ne vale davvero la pena. 

Diretto e pieno di consigli: ecco com’è il racconto di Giada, un’italiana a Londra.  Continua a leggere Un biglietto per l’Inghilterra: la storia di Giada

Annunci

Un biglietto per l’Inghilterra: la storia di Valentina

Valentina è la protagonista della terza storia e anche lei, come tante altre storie che arriveranno, è partita ed è andata a Londra, la città dagli autobus rossi.

Valentina è Valentina.
Lei è una delle mie più grandi amiche, la mia migliore amica. Le ho voluto un gran bene fin dal primo momento che l’ho conosciuta, in prima superiore.
Valentina è sempre stata, e sempre sarà, l’opposto di me ed è forse per questo che, tra una verifica e l’altra, ci siamo legate così tanto.

Valentina ha vissuto le mie vicende amorose (tanto da dedicarmi la canzone di Avril Lavigne Complicated), le mie vittorie all’università e mi ha sempre dato il suo appoggio incondizionato in qualsiasi cosa.
Con lei ho ballato tutta la notte a Barcellona, ho fatto shopping in ogni dove, ho scattato foto a più non posso, ho scambiato milioni di parole, di consigli e ho riso fino alle lacrime.
Con Valentina basta uno sguardo, uno soltanto, e ci capiamo.

Valentina, anche se io la soprannomino Sist, ha un carattere speciale: è decisa, coraggiosa ma anche tremendamente realista. Io, invece, sono l’opposto: insicura, dubbiosa e fin troppo sognatrice.
Insomma, se ancora non sono convinta sulla frase “in amore gli opposti si attraggono”, posso dire che sì, in amicizia accade veramente così.

Come ho già detto prima, Valentina è partita con destinazione Inghilterra: London City. C’era già andata subito dopo la maturità, con un coraggio e una maturità che aveva sorpreso me e molti altri.
Poi era tornata ma, dopo qualche esperienza lavorativa in terra nativa, ha capito che doveva davvero tornare laggiù perché, come capirete leggendo le sue parole, qui le mancava qualcosa.
Allora ha fatto il biglietto, ha preparato la valigia ed è partita. Continua a leggere Un biglietto per l’Inghilterra: la storia di Valentina

Un biglietto per la Francia: la storia di Eleonora

La seconda ragazza che ha deciso di raccontarmi la sua storia dall’estero si chiama Eleonora.

Eleonora è piemontese, è laureata in Mediazione Linguistica e, più di un anno fa, ha deciso di prendere un treno che l’ha portata a Parigi, la ville de l’amour, una delle città più visitate, più fotografate e più turistiche al mondo.

Lei, però, non ha fatto la turista anzi, in Francia, c’è rimasta per davvero. 

Eleonora mi ha mandato la sua storia via e-mail ed ecco cosa racconta:  Continua a leggere Un biglietto per la Francia: la storia di Eleonora

Un biglietto per l’Inghilterra: la storia di Andrea

La prima storia di “Un biglietto di sola andata” è quella di Andrea, un ragazzo di 22 anni, che ha lasciato il Piemonte per andare a Worthing, cittadina vicino a Brighton.

La premessa che è doverosa fare è che Andrea, come altre storie che ci saranno in questa sezione, è un mio amico.
L’ho conosciuto intorno all’anno 2009, anno più o anno meno, nel salone della scuola di musica che entrambi frequentavamo (e che io frequento ancora). Tra una prova di musica e l’altra, abbiamo portato avanti la nostra amicizia chiacchierando, ogni venerdì sera, sulla difficoltà dell’università, su cosa fare e su cosa scegliere. Poi lui ha smesso di suonare (ed io ho passato mesi interi a convincerlo a tornare) ma, nonostante non sia riuscita a convincerlo e nonostante le vite diverse che conducevamo, siamo riusciti a rimanere amici.
Il 29 dicembre, poi, in un pomeriggio normale mi dice: <<sto preparando i documenti per andare in Inghilterra.>>.E alla fine, in Inghilterra, c’è andato davvero.
E’ partito a gennaio, con la valigia e con un biglietto di sola andata: destinazione Inghilterra. Continua a leggere Un biglietto per l’Inghilterra: la storia di Andrea