Xàtiva: un castello in cima al mondo.

Nel cuore della Comunità Valenciana, a 35 minuti in treno da Valencia, si trova Xàtiva: un paesino dalle stradine strette, dove il sole brucia, il silenzio regna e, in alto, un castello sovrasta tutto il paesaggio.

Xàtiva, all’apparenza, può sembrare un paesino di quelli anonimi, silenziosi e sperduti in mezzo alla terra di nessuno. Può sembrare il nulla più completo finché non ci arrivi e non cominci a camminare tra le stradine.
Ed è lì che il silenzio, la tranquillità e il paesaggio ti colpiscono e ti lasciano spaesato.

Passeggiando tra i vicoli stretti, il castello in punta alla collina sbuca ovunque si guardi e sembra irraggiungibile. Non è poi così impossibile arrivare in cima ma, sicuramente, non è la cosa più rilassante da fare, soprattutto quando la temperatura supera i 35 gradi e il vento soffia caldo.
Per raggiungere il castello, infatti, ci sono tre possibilità: la prima è quella di prendere il bus turistico che porta direttamente in cima, la seconda è quella di affittare (o avere) una macchina per poterla parcheggiare accanto al castello o, la terza, quella di andare a piedi.
Ora, dato che il giorno che sono andata a visitare Xàtiva, il trenino era rotto e affittare una macchina mi sembrava esagerato, ho optato per la camminata. Dopo un pranzo ai 100 Montaditos e dopo aver preso tutte le forze possibili, mi sono incamminata con un solo obiettivo: raggiungere il castello.
L’aria era caldissima e il sole era bollente. 
Ci sono dei punti, durante la camminata, in cui si è praticamente in mezzo al nulla, su questa collina che, ai propri piedi, ha tutto il paesino di Xàtiva e tutta la pianura. Facendo differenti pause, all’ombra, per bere e per riprendere le forze (e il fiato), sono arrivata in punta dopo una quarantina di minuti.
Sfatta, ma soddisfatta.

La visuale che si vede da lassù, dal castello, è mozzafiato.
La sensazione che si ha, quando si è in punta, è quella di avere il mondo ai propri piedi, il paesaggio, così infinito, riempe gli occhi, è come se non avesse una fine.
E’ bellissimo.

La visita del castello dura qualche ora, dalle due alle tre ore dipendendo da quanto tempo vi fermate a fotografare, ad ammirare il paesaggio e a riprendere fiato. E’ enorme, il castello, ed è composto dal Castello Minore, la parte più in alto, e dal Castello Maggiore, la parte più lunga e che fa più saliscendi.
Oltre alla bellezza architettonica e storica, quello che colpisce di più di questo castello è sicuramente il panorama che ci si trova di fronte: ogni angolo offre bellissime vedute da fotografare e da osservare con attenzione per scorgere anche i dettagli più piccoli.

Insomma, nonostante il caldo soffocante, le temperature elevate e la camminata per arrivare al castello (e poi per tornare a valle), ne è valsa assolutamente la pena.
E’ stata dura arrivare in cima, lo ammetto, ma la sensazione di libertà e di tranquillità che ho respirato lassù mi ha ripagato totalmente di tutto lo sforzo e la fatica fatta.

Un castello speciale, quello di Xàtiva: in punta ad una collina e con l’infinito da ammirare.

Informazioni
Il castello di Xàtiva è aperto alle 10 alle 18 in inverno e dalle 10 alle 19 in estate (chiuso il lunedì in entrambe le stagioni).
Info turistiche sul sito ufficiale dell’ufficio turistico di Xàtiva, situato in calle Alameda Jaume I, 50.

Annunci

6 pensieri su “Xàtiva: un castello in cima al mondo.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...