Liebster Award #4

Ed ecco che, come anticipato, è arrivato anche il quarto Liebster Award, praticamente quasi in concomitanza con il terzo.
Che dire? Anche questa volta la soddisfazione è stata enorme e poi, lo ammetto, a me questi giochini dove c’è da raccontarsi, dove posso scoprire altre bloggers in incognito come me, dove c’è da rispondere a delle domande, mi piacciono un sacco. Alla fin fine le domande sono sempre tutte diverse, ogni volta riesco a pescare qualche ricordo finito nel cassettino più remoto della mia mente e sorridere di questo.

Quindi grazie a Roberta di Vieni via di qui per aver pensato a me! 🙂
Nel suo post Roberta scrive di provare a rispondere alle domande senza pensarci per più di dieci secondi: a questo ci voglio provare anch’io, vediamo se ci riesco.

Chi sei nella vita di tutti i giorni?

Enrica, 25 anni e mezzo, piemontese doc (con annesso un grazioso accento, neh) ma spagnola fino al midollo. Laureata in mediazione linguistica, ho capito che non avrei mai potuto essere interprete quando, durante le lezioni pratiche, andavo nel panico e trasmettevo il panico alla mia povera amica e compagna di banco.
Amo, però, le lingue straniere, amo studiarle e imparare sempre qualcosa di nuovo. Vorrei lavorare nel settore del turismo anche se, sotto sotto, sogno di fare la giornalista di viaggi: è uno di quei sogni che non si avvereranno mai ma, questo blog, è già un piccolo grande inizio.
Nella vita di tutti i giorni sono un’ottimista di prima categoria, sempre con il sorriso stampato sulle labbra, una chitarrista per passione, una fotografa amatoriale, una lettrice accanita, una mangiatrice di pasta al pesto.

Hai mai fatto un viaggio ispirandoti ad un libro/ film?

Ehm, no. Sinceramente non mi è mai passato per l’anticamera del cervello, forse perché nessun film o nessun libro mi ha colpito in tale modo.

Organizzi i viaggi in ogni dettaglio o ti piace lasciare qualcosa al caso?

Amo organizzare i viaggi in quasi tutti i dettagli, amo partire per un viaggio ed essere pronta anche dal punto di vista culturale. Ad ogni modo, una volta arrivata a destinazione, amo lasciarmi sorprendere dal destino e, la maggior parte delle volte, camminare senza una meta per vedere quali parti della città posso scoprire: credo che le cose più belle non siano segnate sulla cartina.

Qual è il posto che vorresti assolutamente visitare e che non hai ancora visto?

Ce ne sono davvero troppi, di quei posti: l’Argentina e la Tierra del Fuego, l’Australia e Sydney, ma anche i Fiordi Norvegesi, Amsterdam, Atene… Insomma, davvero troppi.

Qual è il posto che consiglieresti perché per te è assolutamente da vedere?

Per me è assolutamente da vedere Cadice, purtroppo poco conosciuta a noi italiani.
Cadice è la città più antica della Spagna ed è praticamente un’isoletta collegata alla Spagna solo con un ponte. E’ una città dalle strade strette, dalle case bianche e da un tramonto meraviglioso sull’oceano. E’ una città dal profumo di mare, di pesce e di Andalusia.

Hai una macchina del tempo: in quale epoca e in quale paese andresti?

Questa sì che è una domanda tosta (e sì, ci devo pensare più di dieci secondi). Sinceramente non lo so, forse andrei in Francia verso il milleottocento. Sì, ecco, forse in quel periodo e in Francia ma non ne sono propriamente sicura.

Quale accessorio non può assolutamente mancare nella tua valigia?

Nella mia valigia non può assolutamente mancare la mia macchina fotografica! E’ la mia compagna di viaggio per eccellenza, non mi separo mai da lei.

Perché hai deciso di aprire un blog di viaggi?

Il blog è nato due anni fa e l’ho aperto per superare i miei pomeriggi da disoccupata, un po’ come adesso insomma. A quel tempo, però, ero davvero in una fase difficile della mia vita: dopo anni, anni e anni di studio mi ritrovavo senza una strada da seguire, senza un lavoro da svolgere. Per evitare quindi di abbattermi troppo, un pomeriggio ho deciso di aprire Attimi e Pillole di Viaggio, uno spazio dove unire la mia passione per la scrittura, per la fotografia e per il viaggio… Mai scelta fu più azzeccata!

Come hai scelto il nome del tuo blog?

E’ stato facile scegliere il nome: su un foglio ho scritto tutte le parole che mi venivano in mente relative al viaggio; tra quelle ho scritto anche attimi e pillole. Ci ho pensato un po’ su e poi le ho unite e da lì, su quel foglio pasticciato, è nato Attimi e Pillole di Viaggio.

Chi è il tuo compagno di viaggio ideale e perché?

Ho iniziato a viaggiare fin da piccola con i miei genitori e ho continuato a farlo fino a poco tempo fa. E’ da loro che ho preso la passione per la storia, per la cultura di un luogo e per il viaggio.
Negli ultimi anni, invece, ho sperimentato il viaggio in solitaria che, fin da subito, mi ha colpito positivamente, aprendomi la mente e facendomi crescere sotto diversi punti di vista.
Da qualche mese, invece, il mio compagno di viaggio è la mia dolce metà: fortunatamente Cupido ha fatto breccia nel cuore di un ragazzo molto simile a me, amante dei viaggi, dell’arte e della storia. Più fortunata di così!

Quando e com’è nata la tua passione per i viaggi?

Ho iniziato a prendere aerei che ero davvero piccola, accompagnando i miei genitori durante i loro viaggi. Questa è stata una vera ed enorme fortuna che mi ha portato ad accrescere il mio lato avventuriero e di scoperta fin da bambina. Dal primo momento in cui mi sono imbarcata, non ho mai smesso di farlo: il decollo è la mia parte preferita e, ogni volta che sorvolo le nuvole gonfie, mi sento come una bambina incantata a guardare sotto con il naso schiacciato contro il finestrino dell’aereo.


Queste domande sono state davvero bellissime, complimenti a Roberta.
Questa volta, così come è successo nel Liebster Award #2 (se non sbaglio), faccio una nomina generale e rigiro le domande di Roberta che ho adorato, dalla prima all’ultima. Sono curiosa di vedere (e leggere) le vostre risposte per vedere quanto e cosa abbiamo in comune quindi, che dirvi, sbizzarritevi! 😀

Annunci

6 pensieri su “Liebster Award #4”

  1. Dato che anche a me piace da matti scoprire le “vite segrete” degli altri blogger, rispondo al tuo invito a rispondere a una domanda (scusa il gioco di parole).
    Il posto che consiglierei a chiunque di vedere almeno una volta nella vita è New York. La sensazione di trovarsi per la prima volta con il naso all’insù a Times Square è unica e indimenticabile!

    1. Cara Silvia.. come non darti ragione sull’emozione nel vedere Times Square? Io credo che ci siano luoghi che, vada come vada, una volta nella vita bisogna vedere e New York è proprio uno di questi! Grazie per aver partecipato e avermi raccontato una piccola cosa di te.
      Un abbraccio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...