Archivi tag: città

Andalusia, il viaggio – Siviglia

Questo viaggio che vi sto per raccontare è stato in assoluto IL viaggio che ha reso indimenticabile il duemila e diciotto.
Dividerò questo viaggio in più articoli, penso uno per tappa, perché se no diventerebbe lunghissimo e si perderebbe tanto. Invece voglio raccontarvi ogni dettaglio, ogni attimo.

Se non avete letto l’articolo sul mio resoconto dell’anno passato, non potrete sapere che tutto è nato con un invito ad un matrimonio in terra, per l’appunto, spagnola.
Le nozze erano quelle tra una mia carissima amica, conosciuta durante una vacanza studio in Inghilterra nel lontano duemila e undici e il suo, ora, marito. Erano trascorsi sette anni dall’ultima volta che l’avevo abbracciata ma, nel momento in cui i nostri sguardi si sono incrociati di nuovo, è come se non fosse passato nemmeno un mese.
L’abbraccio che ci siamo regalate, sorridenti e incredule, è stato uno di quelli che ti riempiono il cuore di felicità e sorpresa, un’ondata di pura emozione e amicizia. Amicizia con la A maiuscola, nonostante i chilometri, nonostante gli anni.

Continua a leggere Andalusia, il viaggio – Siviglia

Barcellona: a piedi per la città

Quando viaggio, una cosa che amo assolutamente fare è camminare tra le viuzze della città, perdermi per poi ritrovare un punto familiare, girare con la cartina in mano ed esplorare zone nuove e scoprire angoli sconosciuti.

Ho sempre amato camminare, mettere le scarpe da ginnastica, prendere la macchina fotografica e andare alla scoperta della città con le mie due gambe, dando un paseo – come direbbero gli spagnoli, con il naso all’insù e con gli occhi attenti e curiosi.
Proprio per questa ragione, nei miei quasi tre giorni di vacanza a Barcellona, ho deciso di (ri)scoprire la città interamente a piedi. Ho macinato chilometri, eccome, e alla fine avevo anche le gambe stanche ma credo che visitare un luogo attraverso i trasporti all’aria aperta, la bicicletta o – appunto – i propri piedi, evitando così la metropolitana, sia la scelta più giusta, più meravigliosa e più sorprendente da fare.
E anche più salutare.
Il mondo è così bello che merita davvero la pena consumare la suola delle scarpe.

Ma ora, dopo quest’introduzione, è con grande onore che vi presento il mio itinerario. Un itinerario in cui si toccano i punti fondamentali della città, si vedono i monumenti principali ma si cammina anche tra i quartieri più o meno conosciuti. Insomma, vi racconto la mia Barcellona a piedi. Continua a leggere Barcellona: a piedi per la città

#TravelDreams2015

Mancano 17 giorni al 31 dicembre.
17 giorni al conto alla rovescia, ai brindisi, al desiderio da esprimere e alla notte più lunga da festeggiare.
Questi sono gli ultimi 17 giorni del 2014, gli ultimi per scrivere i buoni propositi, per fare la to do list e per concludere le ultime cose.
Tra 18 giorni saremo nel 2015 e un nuovo anno, un nuovo capitolo inizierà da capo.

Stamattina, comunque, mi sono svegliata pensando ai viaggi che vorrei fare in questo nuovo anno che arriverà tra 17 giorni.
Ho sempre amato viaggiare: organizzare, prenotare i voli, scegliere dove dormire, fare la lista di quello che vorrei visitare. Queste, sono cose che mi hanno sempre fatto sentire libera e poco importa se quel posto l’ho già visto e rivisto, ma preparare la valigia e prendere un aereo, sono cose che mi fanno sentire felice e… Leggera.

Ad ogni modo, prendendo spunto dall’ultimo articolo di Cristina di In ogni viaggio, mi lancio anch’io in questa lista dei miei Travel Dreams 2015 e spero di riuscire a mettere il ✔ accanto a più città possibili.  Continua a leggere #TravelDreams2015

Venezia: il fascino del carnevale

Venezia è meravigliosa e su questo non ci sono dubbi.
E’ meravigliosa in qualsiasi stagione dell’anno e non rimanerne affascinati è quasi impossibile. Il fascino della città sull’acqua attira italiani e turisti da qualsiasi parte del mondo, la storia si respira ad ogni angolo e, camminando tra i vicoli stretti e fiancheggiando i canali, sembra di essere rimasti nel passato.

Personalmente, ho sempre amato Venezia. La prima volta che l’ho visitata era il 2009, in occasione del mio diciannovesimo compleanno. Ne ero rimasta colpita, piacevolmente colpita, nonostante la pioggia, nonostante il freddo, nonostante l’acqua alta.

Ma si sa, Venezia è famosa anche per il carnevale.  Continua a leggere Venezia: il fascino del carnevale

#VadoaViverea: i tre luoghi che ho nel cuore.

Questo articolo nasce da un’idea, oserei dire una di quelle idee geniali, di Daniela, blogger di Racconti di viaggio intorno al mondo e non solo, che ha dato via ad una serie di risposte, post e pensieri personali.
L’idea geniale, intitolata #vadoaviverea, è la seguente: scegliere tre luoghi.
Tre luoghi preferiti, quelli che hanno lasciato un’impronta nel cuore, quelli “con i quali c’è stata un’empatia innata fin da subito, nei quali trasferirsi non sarebbe un’ipotesi così remota.“.

Bene, prendo la palla al balzo e scelgo anch’io i miei tre luoghi. Quelli che ho nel cuore. Continua a leggere #VadoaViverea: i tre luoghi che ho nel cuore.

A spasso per Madrid

Il mio viaggio in Spagna è iniziato con tre giorni a Madrid, la capitale. Pur avendola già visitata in passato, mi ha stupito ancora una volta e, al momento di andarmene, non volevo più partire.

MERCOLEDI’ 6 AGOSTO

I miei tre giorni a Madrid sono iniziati il 6 agosto quando, con l’aereo proveniente da Pisa, sono atterrata all’Aeroporto Madrid Barajas. La compagnia di volo Ryanair, con la quale ho viaggiato, permette di prenotare un transfer dall’aeroporto all’hotel, appartamento o qualsiasi luogo a cui siete diretti, pagando solo 12.00€, evitando così di prendere la metropolitana o un taxi. Questo servizio si prenota direttamente sull’aereo e, non appena atterrati, troverete l’addetto al transfer presso il punto di incontro dell’aeroporto; il nome dell’agenzia di transfer è transferamigo e il servizio è davvero ottimo.

Durante questi pochi giorni in terra spagnola, ho soggiornato presso l’hotel Holiday Inn Madrid Piramides, situato in un quartiere molto tranquillo e a 15 minuti a piedi dal centro della capitale. L’uscita della metropolitana è di fronte all’entrata dell’hotel (fermata piramides) e, da lì, si può prendere anche il treno de cercanías che permette di raggiungere l’aeroporto terminal 4 senza dover cambiare: nel caso in cui il vostro aereo parta da un altro terminal, c’è la possibilità di prendere un autobus gratuito che collega tutti i terminal dell’aeroporto Madrid Barajas.

Quando sono arrivata in hotel era già tardo pomeriggio e, dopo qualche tentennamento, ho lasciato la visita della città al giorno dopo: ero troppo stanca e, soprattutto, senza una cartina.  Continua a leggere A spasso per Madrid