Archivi categoria: Diario di viaggio

Una passeggiata tra i colori di Dénia.

A Dénia, una cittadina marittima a due orette in pullman da Valencia, i colori fanno da protagonista.
C’è il verde, il colore degli alberi, c’è il blu del mare e, infine, c’è il bianco delle case e dei gabbiani che volano senza sosta.

E’ bella Dénia, ha un fascino particolare che solo le cittadine di mare sanno regalare.

Dénia ha un castello che sovrasta tutto il paese e arroccato sulla collina, quasi a voler raggiungere il cielo.
Di notte quasi non si vede, il castello, ma di giorno gioca il ruolo principale, cattura l’attenzione e si staglia, grande e circondato dal verde, contro il cielo azzurro. Continua a leggere Una passeggiata tra i colori di Dénia.

Annunci

Le 10 cose che ho imparato a Valencia

Vivendo lontani da casa, che sia nello stesso stato o uno estero, ci sono delle cose che ovviamente si imparano: piccole o grandi che siano, queste cose, c’è sempre qualcosa da imparare.
Così è stato anche per me, in questi quattro mesi passati a Valencia e che ora racconto utilizzando l’imperfetto.

Questo articolo vuole avere un carattere divertente, vuole essere spiritoso e vuole far presente tutte le cose che ho scoperto/ imparato durante questi mesi passati lontani da casa mia. Sono poche dieci cose, sono davvero poche, perché in 112 giorni ho imparato molto di più di quello che inserirò in questa lista e di quello che può sembrare: prima di tutto, ho imparato molte cose su me stessa e sui rapporti personali ma questa, in fondo, è un’altra storia…

Vi presento le 10 cose che ho imparato, quindi, a Valencia: sono 10 cose stupide ma, ognuna di loro, porta ricordi indelebili nel cuore.  Continua a leggere Le 10 cose che ho imparato a Valencia

Dedicato a voi. Dedicato a noi.

Se c’è una cosa che faccio da quando prendo l’aereo da sola, è quella di dedicare, ogni volta che l’aereo si stacca dal suolo per il decollo, quel viaggio, quel volo a qualcuno.
Ci sono state volte che l’ho dedicato ai miei genitori, a mia nonna e a me stessa. Ci sono state volte che l’ho dedicato alla mia grinta, alla mia voglia di viaggiare, alla mia personale ricerca della felicità.

Questa volta, invece, questo volo che tra poche ore prenderò, lo dedico alle mie compagne di avventure, alle mie Coinqui.

Prima di partire, quattro mesi fa, l’idea di andare a vivere a Valencia con quattro (allora) sconosciute e di affrontare una nuova esperienza con loro mi preoccupava. Mi preoccupava davvero tanto. Insomma, erano quattro ragazze che avevo visto solo una volta e con cui avevo scambiato poche parole.. Come potevo sapere che sarebbero state così maledettamente perfette?
Il giorno della partenza, quel 29 marzo, tra un groppo alla gola e qualche risata per smorzare l’ansia, le avevo guardate attentamente e i giorni da vivere insieme, le settimane e i mesi in terra spagnola ancora sembravano così lontani.
La nostra avventura è iniziata con una crêpe alle undici di sera (e già lì avremmo dovuto immaginare gli orari delle nostre cene) e un sacco di risate, di chiacchiere iniziali per conoscerci meglio e scoprire qualcosa su ognuna di noi.

Da sempre, fin da quando ero piccola, ho sempre avuto più facilità con le parole scritte piuttosto che con quelle orali: amo scrivere perchè le parole escono più facilmente e restano, per sempre.
Se dovessi, quindi, scrivere una lettera alle mie compagne di avventura (che è quello che realmente sto per fare), inizierebbe così… Continua a leggere Dedicato a voi. Dedicato a noi.

Quattro mesi e migliaia di attimi vissuti.

Si dice che la vita sia fatta di capitoli e che ogni capitolo abbia un inizio e una fine, come giusto che sia. Si dice anche che, chiusa una porta, si apre un portone, ma questa è un’altra storia.

Se è davvero così, ovvero che la vita sia fatta di capitoli, avremmo a disposizione un quadernone ad anelli da riempire con i nostri piccoli o grandi capitoli. Ma durante una vita intera, sono maggiori i capitoli belli o quelli brutti?

Forse allora, vista la grande possibilità d’incontrare un capitolo brutto, è meglio pensare che la nostra vita sia fatta di attimi. Attimi lunghi o corti, attimi che sono in grado di cambiare il percorso della nostra vita, attimi che, anche se negativi, non avranno mai la stessa importanza di un capitolo.
Insomma, già di per sé, la parola capitolo è importante, racchiude dentro un grande significato. Quando si legge un libro, poi, si cerca sempre di arrivare alla fine del capitolo prima di mettere da parte la lettura e dedicarsi ad altro. Perché tutta questa voglia di arrivare, forse in fretta, alla fine di un capitolo, di una parte? Perché leggere le ultime pagine quasi con frenesia e rapidità?
Insomma, io non voglio vivere i capitoli della mia vita con la stessa velocità con cui leggo i libri, quasi divorandoli, quasi desiderando di arrivare alla fine per vedere cosa succede e cosa cambia.
Meglio gli attimi, insomma, che possono durare un’eternità.

L’attimo vissuto qui, a Valencia, è stato meraviglioso, ricco di altri attimi altrettanto stupendi che porterò nel cuore praticamente per sempre.  Continua a leggere Quattro mesi e migliaia di attimi vissuti.

Parco Naturale dell’Albufera: quando il sole si unisce all’acqua.

Il Parco Naturale dell’Albufera si trova ad una quindicina di chilometri da Valencia, lontano dal caos e dal rumore della città, lontano dalle macchine che sfrecciano veloci e dalle sirene che risuonano per le strade.

Per raggiungere quest’oasi di pace e tranquillità, è necessario solo prendere un pullman, il numero 25, dal centro di Valencia: con 1,50€ e con meno di un’ora di tragitto, si arriverà direttamente a destinazione, vedendo cambiare, poco a poco, il paesaggio sotto i propri occhi.

L’Albufera è il lago più grande di Spagna e, in passato, le sue acque servivano ai pescatori e ai coltivatori di riso per il loro sostentamento creando, così, una gastronomia rinomata che ancora oggi conosciamo. Per provare una super-buona Paella Valenciana, infatti, basta andare al paese di El Palmar dove avrete l’imbarazzo della scelta in fatto di ristorantini e paellas.

Ma l’Albufera è famosa anche per i tramonti: da qui, infatti, si dice che si possano vedere i migliori tramonti di Valencia. Continua a leggere Parco Naturale dell’Albufera: quando il sole si unisce all’acqua.

La Torre del Miguelete: 207 scalini per avere Valencia ai vostri piedi.

La Torre del Miguelete è il campanile della Cattedrale di Valencia ed è sicuramente uno dei simboli della città spagnola.

Bisogna salire 207 scalini per arrivare in punta, per arrivare alla cima della Torre e per meravigliarsi del panorama. Da lassù si può vedere tutto: dalla Città delle Arti e delle Scienze, al porto, alle due antiche porte della città; tutta Valencia si distende sotto i nostri occhi con stradine strette e case che sembrano ammucchiate.
Quello che mi ha sorpreso, arrivata in cima, è come Valencia possa sembrare diversa se vista da due punti differenti: dal basso, camminando tra le sue strade, mi sembra una città piccola, con strade abbastanza grandi ed edifici non immensi. Dall’alto, invece, Valencia mi ha sorpreso con un’immagine totalmente opposta: sì, il centro storico è sempre piccolino ma si estende fino a non vederla più, quasi come se fosse immensa; mi sono resa poi conto che, le stradine, sono davvero strette e, a volte, dall’alto nemmeno sembrano esistere: le case sono così vicine da riempire gli occhi, da rubare quasi la scena. E’ tra queste case così vicine, tutte bianche che si possono scorgere anche i monumenti principali che, dal basso, sembrano enormi come la Lonja de la Seda, per esempio, o il vicino Mercado Central che quasi si perdono in quel caos di case.

Insomma, dopo tanto rimandare, finalmente stamattina sono salita sulla Torre del Miguelete. Continua a leggere La Torre del Miguelete: 207 scalini per avere Valencia ai vostri piedi.

Quando il countdown porta con sé una leggera tristezza.

Ok, forse non dovrei pensarci ma, ditemi, come faccio?
Come faccio a non pensare che quest’esperienza sta, inevitabilmente, volgendo al termine?

Mancano, come ben mi ha ricordato la mia migliore amica, ventun giorni al mio rientro.
Tra tre settimane esatte, a quest’ora, starò di nuovo guardando la distesa d’erba verde e le Alpi dalla mia finestra del salotto. Tra tre settimane esatte, a quest’ora, sarò di nuovo in terra italiana, dovrò riabituarmi a mangiare ad orari normali e a parlare solamente in italiano.
Tra tre settimane esatte, a quest’ora, parlerò di quest’esperienza usando il passato prossimo, la mia mente verrà travolta da migliaia di ricordi e, in un attimo, verrò travolta dalla nostalgia.

Ok, non devo pensarci ma è quasi inevitabile: questi quattro mesi sono davvero volati. Continua a leggere Quando il countdown porta con sé una leggera tristezza.

Xàtiva: un castello in cima al mondo.

Nel cuore della Comunità Valenciana, a 35 minuti in treno da Valencia, si trova Xàtiva: un paesino dalle stradine strette, dove il sole brucia, il silenzio regna e, in alto, un castello sovrasta tutto il paesaggio.

Xàtiva, all’apparenza, può sembrare un paesino di quelli anonimi, silenziosi e sperduti in mezzo alla terra di nessuno. Può sembrare il nulla più completo finché non ci arrivi e non cominci a camminare tra le stradine.
Ed è lì che il silenzio, la tranquillità e il paesaggio ti colpiscono e ti lasciano spaesato.

Passeggiando tra i vicoli stretti, il castello in punta alla collina sbuca ovunque si guardi e sembra irraggiungibile. Non è poi così impossibile arrivare in cima ma, sicuramente, non è la cosa più rilassante da fare, soprattutto quando la temperatura supera i 35 gradi e il vento soffia caldo.
Per raggiungere il castello, infatti, ci sono tre possibilità: la prima è quella di prendere il bus turistico che porta direttamente in cima, la seconda è quella di affittare (o avere) una macchina per poterla parcheggiare accanto al castello o, la terza, quella di andare a piedi.
Ora, dato che il giorno che sono andata a visitare Xàtiva, il trenino era rotto e affittare una macchina mi sembrava esagerato, ho optato per la camminata. Dopo un pranzo ai 100 Montaditos e dopo aver preso tutte le forze possibili, mi sono incamminata con un solo obiettivo: raggiungere il castello.
L’aria era caldissima e il sole era bollente.  Continua a leggere Xàtiva: un castello in cima al mondo.

Formentera: un’isola bagnata da un mare di cristallo

La mia prima esclamazione, non appena ho visto il colore del mare, è stata: <<wow>>.

Il colore dell’acqua di Formentera non si può descrivere ed io, un mare così, non l’avevo mai visto. E’ un colore azzurro, tendente al trasparente, così freddo, così cristallino.
L’immagine che questo mare mi ha dato, è quella di aver una lastra di vetro, una di quelle enormi e leggere, adagiata sulle sue onde.

Formentera mi ha accolto così, con questo mare azzurro, e con un sole caldo che si rifletteva su questa distesa d’acqua trasparente.
Riempe gli occhi, questo mare di Formentera, ti riempe gli occhi di un azzurro– verde speciale, ti lascia a bocca aperta.

Prima di partire avevo guardato qualche immagine su internet e già sapevo cosa mi sarei trovata davanti ma, alla fin fine, nemmeno le mie aspettative erano così alte.
E voi direte, ovviamente, che anche in Italia abbiamo dei mari del genere: beh, assolutamente sì, ma io sono abituata al Mar Ligure e in Sardegna non ci sono mai stata. Insomma, Formentera mi è sembrato il paradiso.

Così, sotto il sole caldo e quintali di crema solare, ho passato una giornata quasi intera in una spiaggia dalla sabbia morbida, a farmi scaldare (e bruciare) dai raggi del sole e a fare bagni nonostante l’acqua fredda. Un’acqua fredda che, nonostante il mare leggermente agitato, permetteva di vedere tutto quello che c’era sotto (compreso un pesciolino grigio lungo una spanna che mi ha fatto scappare a gambe levate). Continua a leggere Formentera: un’isola bagnata da un mare di cristallo

L’abbraccio stretto e un viaggio al centro del cuore.

Questo weekend sono venuti a trovarmi i miei genitori.
Sono stati tre giorni intensi, ricchi di cose da visitare, di chiacchierate, di sguardi d’intesa e di racconti. In questi tre giorni ho riassunto, più o meno brevemente, i miei due mesi qui a Valencia: troppo pochi, tre giorni, per raccontare più di sessanta giorni di esperienza all’estero.

Non sono mai stata lontana da casa per così tanto tempo e, se ci penso, un po’ senso mi fa. Il senso, più che altro, deriva dal fatto di tornare a casa, tra poco più di un mese, e dover cercare di riassumere quattro mesi di vita spagnola, di momenti meravigliosi, di aneddoti che, con molta probabilità, la gente non riuscirà a capire totalmente.
Non potrà, ovviamente, perché non li avrà vissuti di persona.

Ad ogni modo, in questo weekend, sono riuscita a mostrare quanto è perfetta e splendida la mia vita qui in Spagna. Sono riuscita a far entrare nel mio mondo i miei genitori, a fargli conoscere chi condivide con me questa esperienza, gli ho mostrato i miei angoli preferiti di Valencia e hanno chiacchierato con chi, ogni giorno, mi insegna qualcosa di nuovo a lavoro.

Questi tre giorni sono passati rapidamente, forse troppo, e, come dice mia mamma, domani sembrerà di aver sognato. Continua a leggere L’abbraccio stretto e un viaggio al centro del cuore.