Una casa (dei sogni) e angoli di viaggio: #mysweettravelhome

Finalmente mi sono convinta e rispondo alla domanda di Martina, amica (e blogger) di Martinaway che, ormai a gennaio, raccontava in un articolo la sua casa da sogno, la casa di una viaggiatrice, e chiedeva, ai lettori, se la loro #mysweettravelhome esisteva per davvero o era solamente un piccolo sogno.
L’idea di Martina, nel raccontare la sua casa dei sogni, nasce dal tag creato e ideato da Stefania del blog Diqua&Dilà.

Insomma, con un ritardo colossale, la racconto anch’io, la mia casa dei sogni.
Meglio tardi che mai.

100100_mondo_amb

Da qualche mese, ormai, ho due case tra cui mi divido, macinando chilometri avanti e indietro, avanti e indietro.

Una casa, la mia casa dove sono cresciuta, è in un piccolo paesino nella provincia di Cuneo, una casetta su due piani dove la mia camera rispecchia perfettamente il mio amore per le fotografie, la mia passione per la lettura e il mio amore incondizionato per l’appendere le cose al muro.
Ci sono fotografie di amicizie, di momenti felici e di panorami scattati in giro per l’Europa. Ho una bandiera spagnola appesa accanto al letto come per ricordarmi che, anche se nata in Italia, una parte del mio cuore è e sarà per sempre in Spagna. E poi ci sono frasi scritte, le etichette dei bagagli da stiva appiccicati uno accanto all’altro e istanti di vita rimasti impressi per sempre.
La mia camera, che si è modificata col passare degli anni, mi rappresenta a pieno, rappresenta il mio lato viaggiatore e il mio lato sentimentale.
Insomma, c’è dell’Enrica in ogni angolo e ovunque si guardi.

L’altra casetta in cui vivo è la casetta della mia dolce metà, un appartamento in Torino con un balcone e tanti fiori colorati.
Fin dal primo momento in cui ci ho messo piede, ho deciso che avrei messo un po’ di me anche lì, con un po’ di smarrimento (ma smarrimento bello, eh) da parte del mio lui che si è visto arrivare fiori su fiori, lenzuola colorate, tovaglie e tovaglioli di tutti i colori, bicchieri di fantasie diverse e un po’ di Enrica anche lì, in ogni angolo.
E’ che sono fatta così. Ops.

Ma se devo pensare alla #mysweettraveldreams, ce l’ho ben chiara nella mente, come se sapessi già dove e come sistemare le cose, come e dove vorrei vedermi sorridente e felice.
E dato che in quest’ultimo periodo, oltre a portare colore in casa della mia dolce metà, gli argomenti “appartamento”, “desiderio”, “insieme” sono ben presenti nelle nostre chiacchierate, questo articolo cade davvero a fagiolo.

Considerato quanto ami la luce e il sole, la mia casa dei miei sogni dovrà avere per forza delle vetrate o comunque una quantità consistente di finestre da cui entrerà il sole.
Il salotto, perché il salotto è ciò che meglio immagino, vorrei che avesse come tema il mare: vorrei poter avere un quadro, uno di quelli su tela che sono divisi in tre, rappresentante il mare blu e le sue mille sfumature, vorrei che questo quadro fosse abbastanza grande da fare contrasto con le pareti bianche.
Vorrei che ci fossero candele blu e bianche, da accendere alla sera, e conchiglie e pietre messi in vasi di vetro.

13925234_730992237038890_3558518363413386568_n

Vorrei avere una camera da letto dove appendere una cartina del mondo, dove poter segnare i posti visitati, dove poter mettere qualche fotografia di angoli del mondo, quelli che entrano nel cuore e non te li levi più.
Vorrei un letto comodo, perché sono un po’ acciaccata, con tanti cuscini colorati sopra.
Vorrei avere una cucina semplice ma carina, con una fotografia della mia adorata Torino, magari una di quelle panoramiche al tramonto o notturne.

14088674_739179142886866_3305556904542468795_n

E se proprio dovessi esagerare, perché in fondo sto solo sognando, vorrei una stanzetta  dove poter mettere una libreria piena di libri e, al muro, tante- tantissime fotografie di vita quotidiana.
Quelle in cui sei sorridente e quando le riguardi sorridi d’istinto.

Ah, dimenticavo, vorrei fiori. Fiori ovunque.

vaso-porcellana
Immagine dal web

Ho sempre amato sognare e, la casa, è uno dei sogni più frequenti ultimamente.
Penso capiti così quando la tua strada si unisce a quella della persona che ami, penso sia normale aver voglia di iniziare un capitolo e creare qualcosa che rappresenti noi.
Fondamentalmente non lo so se la mia casa dei sogni sarà così, se avrò delle finestre grandi e un quadro in salotto ma so, per certo, che la mia casa del futuro avrà un po’ di Enrica e un po’ di Silviu (mistero svelato, ecco il nome della mia dolce metà) in ogni angolo.

E la sogno, questa casa, la sogno ad occhi aperti e già mi e ci vedo.
Felici, sorridenti e con tutto il futuro davanti.

Annunci

3 pensieri su “Una casa (dei sogni) e angoli di viaggio: #mysweettravelhome”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...