Liebster Award

Liebster Award

La scorsa settimana, sull’ e-mail attimiepillolediviaggio@gmail.com è arrivata una sorpresa, molto inaspettata, di quelle che fanno sorridere e saltellare dalla gioia (sì, sono una di quelle persone che saltella quando è felice).

Il motivo di tutta quest’incredulità e felicità è, rullo di tamburi, la nomina per il Liebster Award! *-*
Piccola premessa per chi, come me, fosse assolutamente ignorante in materia: il Liebster Award è un’idea nata in Germania e non è nient’altro che un premio, trasmesso di blogger in blogger, che mira a far conoscere blog emergenti con meno di 200 followers.

Ovviamente ci sono delle regole. Ecco quali:

  • Ringraziare il blog che ti ha nominato
  • Rispondere alle 10 domande
  • Nominare altri 10 blog con meno di 200 followers
  • Comunicare la nomina ai 10 blog candidati

Quindi, prima di iniziare con le domande, ringrazio Corinne di The Morning Later per la sua nomina: mi hai fatto saltellare dalla gioia! 🙂

E ora, le domande.

Perché hai aperto un blog?

Il mio blog è nato per “tenermi occupata” duranti i miei pomeriggi da disoccupata. Diciamocelo: rimanere a casa senza aver nulla da fare è terribile, soprattutto dal punto di vista psicologico.
Avevo già provato ad aprirne uno per far conoscere le mie fotografie ma, a dir la verità, non ero abbastanza motivata e non avevo la più pallida idea di come organizzare un blog di fotografia.
Poi, un giorno, mentre ero in moto con mio papà ho avuto l’illuminazione: aprire un blog di viaggi dove unire la mia passione per il viaggio e quella per la fotografia. Tra il dire e il fare, però, c’è di mezzo il mare e, il blog, ai miei occhi, sembrava un’impresa titanica.
Un pomeriggio, quello in cui non sapevo cosa fare, sono capitata su wordpress e mi sono detta: “facciamolo”. Beh, è stata una delle cose più intelligenti e belle che abbia mai fatto.

Ci parli un po’ delle tue passioni?

Le mie passioni: non c’è argomento più bello.

Bene, allora, la passione più grande è quella per la musica. Ho iniziato a suonare quando avevo 7 anni e, da allora, non ho più mollato la mia chitarra classica.
La musica, per me, è sempre stato come un giubbottino di salvataggio in questo mondo che gira troppo velocemente: amo sedermi sul letto, prendere la chitarra e suonare, persa tra i ricordi e le emozioni. Amo l’emozione che mi regalano quelle sei corde, amo ascoltare il suono perdersi nella stanza silenziosa e guardare le mie mani correre tra i capotasti.
“Pensavo è bello che dove finiscono le mie dita, debba in qualche modo incominciare una chitarra.”, cantava Fabrizio De André. Ecco, per me è esattamente così.

Altra grande passione è quella per la fotografia: guardare il mondo attraverso l’obiettivo della macchina fotografica e immortalare un istante è ciò che mi rende piena di vita e mi fa sentire pienamente orgogliosa di me stessa.
Il motivo per cui fotografo è proprio lo stesso per cui scrivo: per non dimenticare. Vivo da sempre con la paura di dimenticare ciò che ho vissuto, le emozioni che ho provato, le persone che ho conosciuto.
Il tempo passa, non voglio che passino anche i ricordi.

Quanto pensi che i commenti e le interazioni siano utili per un blogger e in che modo?

Prima di aprire il blog, mi sono chiesta: “E se quello che scrivo, non piacesse?”. Ho aspettato con ansia i primi commenti, le prime conferme e i primi followers.
Mi sono resa conto che sì, è vero che scrivo principalmente per raccontare emozioni, pensieri e viaggi, ma senza i commenti mi sentirei come se mancasse una parte. E’ bello sapere di essere letta, di essere seguita e di essere apprezzata, nonostante sia soltanto all’inizio e alle prime armi.
I commenti ti aprono gli occhi, ti fanno capire cosa fai giusto e cosa sbagli: ti fanno crescere, come tutto. E’ come una voce esterna, lontana da te stessa e dalle persone amiche (che, diciamocelo, sono anche un po’ di parte), che ti apre gli occhi e che ti rende orgogliosa e soddisfatta. Ogni giorno di più.

Di cosa parli nel blog?

Attimi e Pillole di Viaggio è nato con lo scopo di raccontare di viaggi, ovviamente.
Poi mi sono resa conto che non poteva essere totalmente una mia creatura se non mettevo anche emozioni vissute in prima persona e pensieri personali. Sono una persona molto emotiva che, da sempre, riesce a scrivere con facilità di emozioni e sentimenti, solamente i miei però.

Quindi racconto di viaggi, di pensieri, di emozioni, di cosa visitare e cosa scoprire, di storie di giovani italiani all’estero e di itinerari di viaggio su due ruote.
Il mio blog è ancora under construction: non escludo che nascano altre categorie, pagine e temi, e che sbuchino all’improvviso, proprio come i ricordi. 

Hai creato un rapporto di amicizia con altri blogger? Vi siete mai conosciuti personalmente?

Beh, sì, si sono creati dei rapporti di amicizia: ci seguiamo a vicenda, ci commentiamo e ci scambiamo opinioni. Fino adesso non ho ancora conosciuto personalmente nessun(a) blogger ma, mi piacerebbe molto, poterlo fare e, perché no, anche fare un viaggio insieme! 🙂

Come immagini il tuo blog tra due anni? Vorresti vederlo crescere/ cambiare e in che modo?

Tra due anni? Bella domanda.
Me lo immagino interessante, con un sacco di contenuti, con tanti ricordi e con tantissime fotografie. Ovviamente vorrei vederlo crescere, e di conseguenza anche cambiare, ma bisogna investirci tanto, tantissimo tempo. Per ora vado avanti a piccoli passi, soddisfazione dopo soddisfazione e mi godo il mio piccolo mondo così com’è. 

La cosa che sai fare meglio?

Urca, questa è difficile.
Direi che la cosa che so fare meglio è fotografare, mi è sempre venuto naturale.

Quanto tempo dedichi al tuo blog?

Troppo poco, dovrei dedicargliene di più.
Sfortunatamente le giornate hanno solo 24 ore e, le ore a disposizione, corrono sempre troppo in fretta. Cerco di ritagliare degli spazi per aggiornarlo, per scrivere, per pubblicare ma non sempre riesco a fare tutto.
Spero, in futuro, di dedicare più tempo al mio blog in modo da aumentare anche il numero dei contenuti: prometto solennemente che mi impegnerò!

Come nascono i tuoi post?

Dipende dal tipo di post: solitamente quelli di tipo personali, che sono sotto la categoria “pensieri di una viaggiatrice”, nascono da attimi di vita quotidiana, da pensieri che mi ronzano per la testa. Quelli di viaggi, invece, nascono da viaggi fatti, da fotografie scattate e da momenti che vorrei rivivere.


Dato che non sono mai stata brava con le nomine e con le catene… Io ne nomino solo 5! 😀

Come è stato per me, spero di far saltellare di gioia anche queste cinque persone nominate! 🙂

Annunci

9 pensieri su “Liebster Award”

  1. Enrica!! ma grazie x questa bellissima nomination!! Non posso che essere felice :)) Quando verrai a Londra sei invitata ad essere la mia cavia ufficiale per i miei esperimenti culinari 😜😜😜

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...