#NonPartoSenza: cinque oggetti che sono sempre nella mia valigia

Anche se è da poco che ho cominciato a scrivere su questo mio blog, posso dire di essere entrata alla grande nel Hashtag Mood, ebbene sì ho appena coniato una nuova parola.
Come già fatto qualche settimana fa con #VadoaViverea, anche questa volta voglio prendere parte al gioco #NONPARTOSENZA ideato da Trippando.

Sono una donna (e su questo non ci piove), ma sono una donna di quelle che si porterebbero in viaggio l’intera casa perché, insomma, posso avere bisogno di tutto. E se poi dimentico qualcosa? Allora, durante il mio pre-partenza, faccio una lista, e più si avvicina la partenza più la lista si allunga. Poi metto tutto in valigia, ben piegato e ben ordinato (precisazione: sono una maniaca dell’ordine solo quando si tratta di inserire la roba in valigia… All’andata), e poi mi ci siedo sopra. Per chiuderla.

Insomma, che io vada in viaggio per un weekend o per due settimane, devo sempre avere tutto. Per far fronte a qualsiasi evenienza: freddo polare, caldo torrido, tormenta con grandine e fulmini, malesseri vari (il virus non guarda in faccia nessuno..).
Ci sono, però, cinque oggetti indispensabili. Quelli che non possono mancare assolutamente.

E’ quindi con immensa gioia che vi presento il mio… #NonPartoSenza

1. La mia macchina fotografica: lei non manca mai, nemmeno se vado via per qualche ora.
Ho sempre amato fotografare, e chi mi conosce lo sa (soprattutto per il numero di foto che scatto), ho sempre amato immortalare attimi, dal più banale al più importante, proprio per non dimenticare mai nulla. Per non dimenticare una faccia buffa, una rincorsa di un bambino, una festa tradizionale, un sorriso di uno sconosciuto, un monumento importante.
Ho sempre preferito guardare il mondo attraverso il mirino della mia macchina fotografica piuttosto che attraverso un paio di occhiali da sole. 
Quindi, il mio oggetto indispensabile è la mia adorata Sony, con l’aggiunta della schedina da 8GB e il mio fedele obiettivo 18-200.

2. I trucchi: ah, i trucchi, sono fondamentali per me. Non sono una di quelle che passa ore davanti allo specchio (ehm, in passato sì…) ma, i miei occhi, devono assolutamente essere truccati.
La mia trousse non manca mai e si trova sempre nel bagaglio a mano.

3. Il mio portafortuna: lui, il mio elefantino portafortuna. C’è una storia molto bella dietro a questo piccolo oggetto e per me è diventato fondamentale. Qualsiasi cosa io faccia, ovunque io vada, lui c’è sempre.
L’elefantino portafortuna mi è stato regalato da mio padre per la mia prima verifica alle elementari, quando avevo sei anni. Da quel giorno è sempre stato con me. C’era durante le verifiche, la maturità, gli esami all’università, il giorno della laurea, i viaggi, le partenze, le visite mediche. C’era sempre, stretto nella mia mano destra e mi ha sempre dato forza. E’ il mio personale modo di darmi fiducia. E’ come se mi fosse stato regalato per ricordarmi che, sì, io sono forte e posso affrontare tutto.
Insieme ci sono anche un angioletto, regalatomi dalla mia migliore amica, e un cornetto rosso, donatomi dalla mia pettinatrice (in italiano: parrucchiera) il giorno prima della laurea.

4. Il quadernino + penna: sono una persona che preferisce scrivere piuttosto che parlare. Credo che non ci sia nulla di più bello che scrivere i propri pensieri, le proprie emozioni su un quadernino. Io scrivo sempre. Scrivo di tutto quello che mi capita, di tutto quello che penso, di tutto quello che mi spaventa e che mi rende felice.
In viaggio, oltre a scrivere di tutto questo, appunto quello che faccio, quello che visito, le emozioni che mi ha regalato un certo momento. Scrivo per non dimenticare.

5. Le guide + il libro: sono una viaggiatrice organizzata quindi le guide non devono assolutamente mancare. Se possibile cerco di rintracciare anche una cartina ma, insomma, non è così fondamentale.
Insieme alla guida del luogo, non deve mancare mai un libro. Ultimamente mi sono convertita all’e-book: non occupa spazio, non pesa e contiene all’interno un sacco di libri. Mi manca girare le pagine, quello sì, ma la comodità vince su tutto.
Ad ogni modo, che sia un libro cartaceo o tecnologico, non deve assolutamente mancare. Quando sono in viaggio, che sia in aereo o in treno, io leggo. 

Eccoli: i miei cinque oggetti fondamentali :D
Eccoli: i miei cinque oggetti fondamentali 😀

E voi? Quali sono i vostri cinque oggetti indispensabili?
Forza, sono curiosa!

Annunci

4 pensieri su “#NonPartoSenza: cinque oggetti che sono sempre nella mia valigia”

  1. Vedo che macchina fotografica e quaderno ricorrono spesso! 😉
    Io non sono un’amante dei trucchi, ma la matita guai a chi me la toglie, una linea veloce e via, sembro più sveglia e pimpante di quello che sono in realtà! 🙂

    La storia dell’elefantino è dolcissima ❤
    Un bacione ❤

    1. Macchina fotografica e quadernino sono assolutamente fondamentali! Penso che, senza di loro, non sarebbe un viaggio. 🙂
      La matita ha veramente degli effetti miracolosi, anche su di me! Io ora sono abbonata all’eye-liner e mi ha decisamente semplificato la vita! 😀

      Grazie per aver letto il mio articolo! Un bacio ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...